I suggest you ...

Trasferimenti immobiliari, come deve cambiare l'Atto notarile.

Salve a tutti, mi chiamo Ciro Ceneri, mi sono iscritto al MoVimento 5 stelle recentemente, ma lo seguo fin dal V day. Sono un impiegato notarile e per tale motivo il tempo a mia disposizione è raro e prezioso, essendo tale lavoro molto impegnativo e dispendioso. Tuttavia il mio interesse per il sociale e per la politica è divenuto insopprimibile, tanto che sto cercando ritagli di tempo per contribuire alla causa del MoVimento.
Partirò, pertanto proprio dal mio lavoro, ponendo una domanda.
Quanti di voi hanno acquistato o anche affittato casa senza essere informati ne' documentati riguardo alle tecniche di costruzioni, ristrutturazioni, impianti idraulici, elettrici, telefonici etc. ?
Immagino la risposta: tutti.
Ora vi pongo un'altra domanda, quanti di voi hanno acquistato un elettrodomestico o perfino un giocattolo, anche piccolo, ricevendo il libretto delle istruzioni ?
Anche in questo caso immagino la risposta: tutti.
Ed ora quanti sono i fatti di cronaca per incidenti domestici o addirittura crolli di edifici per opere di ristrutturazioni ?
Risposta: Troppi.
Io propongo di studiarci le norme in materia affinchè all'atto notarile di trasferimento immobiliare sia allegata tutta la documentazione dell'immobile a partire dalla data di costruzione e ove la documentazione sia carente o assente, venga posto l'obbligo di produrla. Chi compra un'immobile deve sapere se la struttura della mansarda è in calcestruzzi o in legno, dove passano i cavi elettrici, dove passano i tubi dell'acqua o delle acque reflue. Deve inoltre sapere se l'immobile è stato oggetto di una ristrutturazione ordinaria (quella straordinaria di norma viene citata nell'atto) e per ciascun tipo di ristrutturazione (sia ordinaria che straordinaria) quali sono stati gli interventi, per esempio in caso di una diversa distribuzione interna, come sono cambiati gli impianti.
Infine, una volta predisposto un documento che possiamo chiamare ad esempio "Carta del fabbricato", che resterà sempre lo stesso salvo le dovute integrazioni, per tutti i successivi interventi edilizi, ne' affiancheremo un altro che chiameremo ad esempio "Titolo di proprietà", con riferimento all'immobile (per dati catastali e per numero della Carta del fabbricato). I documenti nel loro insieme costituiranno il nuovo atto notarile di proprietà. Il primo, sempre validato da autentiche notarili, dovrà essere depositato in originale presso l'ufficio del territorio (da istituire presso i Comuni), il secondo, come
tutt'oggi avviene per gli atti notarili, dovrà essere conservato dal notaio rogante e presso gli Uffici provinciali territoriali per il servizio di pubblicità immobiliare (conservatorie).
Resto disponibile per realizzare concretamente una proposta di Legge.
Ciao a tutti !! Ciro Ceneri

1 vote
Vote
Sign in
Check!
(thinking…)
Reset
or sign in with
  • facebook
  • google
    Password icon
    I agree to the terms of service
    Signed in as (Sign out)
    You have left! (?) (thinking…)
    CiroCiro shared this idea  ·   ·  Admin →

    0 comments

    Sign in
    Check!
    (thinking…)
    Reset
    or sign in with
    • facebook
    • google
      Password icon
      I agree to the terms of service
      Signed in as (Sign out)
      Submitting...

      Feedback and Knowledge Base